Il sostegno per l’inclusione attiva: cos’è e come funziona

05/09/2016



Il Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA) previsto dal Governo con l'ultima legge di stabilità è una misura di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate, nelle quali siano presenti persone minorenni, figli disabili o una donna in stato di gravidanza accertata.Il sussidio è subordinato all'adesione  ad  un progetto  personalizzato  di attivazione sociale e lavorativa.

La governance dell'intervento compete alle Regioni (L' Umbria ha stanziato al riguardo 12 milioni di euro.

Il progetto coinvolge tutti i componenti del nucleo familiare. Si tratta di nuclei familiari con un ISEE pari o inferiore a 3.000 euro nell'anno 2015

I requisiti di accesso saranno verificati sulla base dell'ISEE in corso di validità.

Il sostegno economico verrà erogato attraverso l'attribuzione di una carta di pagamento elettronica, utilizzabile per l'acquisto di beni di prima necessità.

Ai comuni e Zone sociali spetta la titolarità della gestione SIA. L' Inps è il soggetto attuatore e Poste italiane Spa quello erogatore.

Le domande possono essere presentate a partire dal 02/09/2016.

 La Fnp Cisl farà la sua parte per diffondere la conoscenza di questo strumento per contribuire a sostenere la rete del “welfare locale”a favore delle famiglie in gravi difficoltà per la perdita del lavoro e invita a recarsi nei nostri uffici per ulteriori informazioni.